Rassegna stampa

L'Arena

Gli imprenditori contrastano le conseguenze della crisi con un piano che sarĂ  esteso alle aree limitrofe. Disoccupati oltre i 40 anni, al via i tirocini nelle aziende

martedì 6 gennaio 2015

È pronto il progetto con l'Aiv e gli assessorati del Comune Accessi entro fine gennaio e agli inizi della primavera
Quindici tirocini entro fine gennaio, almeno altrettanti entro marzo. Il progetto ideato dal Comune di Villafranca, in collaborazione con Aiv (associazione imprenditori del Villafranchese) e con l'agenzia sociale Lavoro e società per fronteggiare l'emergenza occupazione prende forma, stabilità e punta ad estendersi al comprensorio.
«Stiamo strutturando una risposta per chi cerca lavoro a 360 gradi, ma questo progetto si rivolge a persone tra i 40 ed i 55 anni che faticano a reinserirsi», introduce il sindaco, Mario Faccioli. «Da inizio estate abbiamo aggiornato il budget da 28 a 40mila euro. La nostra intenzione è di arrivare a quota 100mila entro 12-18 mesi e di stabilizzare l'intervento in modo da supportare con continuità chi cerca di ricollocarsi».
La situazione economica, infatti, non svolta verso la ripresa, almeno in termini occupazionali. «Chi bussa alla mia porta viene ancora in larga parte a sottoporre una situazio! ne di difficoltà, determinata dalla perdita dell'impiego, con conseguente impossibilità a pagare bollette, affitti, rate del mutuo», traccia il contesto il vicesindaco con delega al Sociale, Nicola Terilli. Dal momento in cui la situazione viene certificata, i servizi sociali la prendono in carico e cercano una soluzione, proponendo l'accesso al progetto di inserimento lavorativo attraverso i tirocini.
Per mettere in contatto le esigenze di disoccupati ed imprese, il Comune si è rivolto ad Aiv che insieme all'Agenzia sociale ha progettato l'intervento. «Strutturato su due fasce di utenti: chi ha un curriculum spendibile, con titoli di studio che corrispondono ai profili più richiesti e chi invece ha una situazione di maggiore fragilità con competenze non molto chiare», spiega Francesca Valdo, di Lavoro e Società.
Una ventina di utenti sono già stati individuati. Per loro entro fine gennaio saranno attivati una quindicina di tirocini di almeno due mesi (massimo sei) in aziende del comprensorio, disponibili a versar! e il compenso di 400 euro mensili per persona inserita. A carico del Comune, i costi di attivazione ed assicurativi pari a 620 euro per percorso, indipendentemente dalla durata. Per favorire i tirocini di chi ha curriculum meno richiesti, invece, si è optato per offrire alle aziende la gratuità del tirocinio per il primo mese.
«L'associazione imprenditori tiene le fila dei contatti e della comunicazione con le aziende alla ricerca di personale e, attraverso Aiv Formazione, programma di inserire per ogni corso in calendario almeno due aspiranti tirocinanti con profilo più incerto per specializzarli, rendendoli più appetibili», aggiunge Claudia Bidoli, direttore Aiv. Per le imprese che non incontrano la figura giusta, si facilita il contatto con il centro per l'impiego.
«Portato a regime, il progetto sarà esteso ai Comuni del comprensorio», commenta l'assessore alle Attività produttive, Giandomenico Franchini. «Il problema dell'occupazione non conosce ba! rrire: ad un'azienda di Sona potrebbe servire una professionalità che si propone a Villafranca. L'importante è che i Comuni interessati contribuiscano».
Intanto si ragiona anche su come facilitare l'accesso dei giovani al lavoro.
«Penso a corsi da programmare tra gennaio e febbraio per guidare non solo alla compilazione di un curriculum ma anche ad una presentazione delle proprie competenze che susciti interesse nelle imprese. Un percorso da strutturare anche con le organizzazione di categoria sul territorio: da Aiv a Confartigianato», conclude Riccardo Tacconi, assessore alle politiche giovanili. V. Zanetti