Rassegna stampa

L'Arena

Gli imprenditori del Villafranchese puntano su consorzi per ridurre le bollette Aiv: giù i costi aziendali con i gruppi d´acquisto

mercoledì 5 giugno 2013

Il presidente Mario Serpelloni: potranno esserci delle aggregazioni
La crisi morde e gli imprenditori del Villafranchese cercano di risparmiare sui costi fissi, promuovendo gruppi d´acquisito per contrastare il caro bolletta di energia elettrica, telefonia e gas. L´iniziativa è stata lanciata dal direttivo di Aiv (associazione imprenditori villafranchesi) nel corso dell´assemblea annuale della scorsa settimana. «Ora occorre che i titolari delle aziende associate, circa 120 nel comprensorio, ragionino sulle possibilità di risparmio che potrebbero conseguire se si aggregassero e acquistassero insieme», afferma Mario Serpelloni, presidente dell´associazione. «I gruppi d´acquisto nascerebbero con l´obiettivo di abbattere i costi fissi, ma potrebbero anche favorire il senso d´appartenenza all´associazione e far maturare aggregazioni», prosegue Serpelloni. «Le nostre socie sono per lo più imprese di piccole e medie dimensioni che, se vorranno internazionalizzare, dovranno imparare a ragionare facendo rete o con aggregazioni di filiera».
Ma ecco le iniziative che l´Aiv ha presentato in assemblea. Le proposte di forniture a prezzi concorrenziali sono per lo più formulate da aziende associate. La prima, punta ad implementare il numero di imprese villafranchesi aderenti ad un gruppo d´acquisito nato un anno fa, per la fornitura di energia elettrica, ma che ancora non ha avuto molti riscontri. L´adesione consentirebbe risparmi variabili tra il 10 ed il 20% della bolletta attuale. «Alcuni nostri associati hanno costi di energia annui che arrivano anche a 200mila euro, l´offerta, dunque, è da valutare. Tuttavia finora solo una decina di imprese ha aderito al primo gruppo d´acquisito, Il timore è che lo stacco da Enel comporti disservizi», prosegue.
Le forniture sarebbero assicurate da Global Power Spa, società veronese attiva nella vendita di energia elettrica che fa capo a Cev ed è fornit! rice di importanti aziende italiane. Oltre che del Consorzio C! ev, il più grande gruppo d´acquisto per l´energia presente in Italia, costituito da 1.052 enti, di cui 900 Comuni. Un secondo gruppo d´acquisto potrebbe essere costituito attraverso Aiv per il settore della telefonia e riguardare sistemi di comunicazione integrata, ovvero telefonia e internet veloce in attesa della fibra ottica che le imprese villafranchesi stanno aspettando. Infine, un´ultima iniziativa, da concretizzare con tempi un po´più dilatati riguarda l´approvvigionamento di gas. «Alcune nostre associate registrano consumi e costi notevoli anche su queste forniture. Resta però complicato calcolare nello specifico, i volumi di risparmi che si potrebbero ottenere», conclude Serpelloni. Va.Za.