Rassegna stampa

L'Arena

INFRASTRUTTURE. UnĀ“inchiesta di Aiv e Confindustria partita dalle imprese del Villafranchese

mercoledì 14 agosto 2013

Presto una mappa territoriale sul «digital divide» veronese
Pedrollo: «Territorio penalizzato, banda larga imprescindibile»
Un questionario, inviato a tutte le imprese aderenti ad Aiv, Associazione industriali di Villafranca e a Confindustria Verona del Villafranchese, per conoscere le condizioni dei collegamenti con internet veloce, ancora disomogenei. «Stiamo elaborando le risposte», spiega Denis Faccioli, vicepresidente di Aiv e consigliere delegato del raggruppamento Lago di Garda, Villafranchese, in Confindustria Verona, «ricevute dalle imprese della seconda area industriale della provincia, alcune delle quali, in seria difficoltà per la mancanza di servizi tecnologici adeguati, stanno pensando di spostarsi in città».
«Abbiamo cominciato a occuparci del Villafranchese perché da lì ci arrivano le segnalazioni di una situazione particolarmente critica- aggiunge Mauro Sorio, consigliere Aiv e del Gruppo Giovani di Confindustria con delega all´innovazione, «Ma siamo consapevoli della necessità di mappare tutto il territorio provinciale per valutare il peso del digital divide. A nessuno è chiaro in quali aree sia possibile o meno la connessione veloce, che accresce la competitività. Un lavoro che dobbiamo svolgere in modo puntuale, tenendo presente che, attualmente, molto dipende dalla distanza del sito aziendale dalla centrale per la banda larga».
Nel comprensorio fa eccezione Nogarole Rocca, dove da meno di due mesi, la zona industriale di Pradelle è stata collegata al sistema di navigazione veloce. Brennercom ha portato la banda larga dalla propria dorsale, lungo l´A22 dal casello fino al territorio comunale,. Il Comune ha messo a disposizione le condotte di proprietà, nelle quali è stata fatta passare la rete in fibra ottica. Tutti i lotti industriali sono allacciati: basta che le imprese interessate sottoscrivano il contratto con Brennercom, società di telecomunicazioni altoatesina, partecipata da AutoBrennero, che fornisce servizi voce, dati e internet. «Il tutto a costo zero per le casse comunali», evidenzia il sindaco Luca Trentini, che ha saput! o sfruttare un´opportunità importante, al cui traino anche il Comune di Villafranca avrebbe potuto agganciarsi, almeno per fornire di fibra ottica Dossobuono, sfruttando la vicinanza con la A22.
«La connettività veloce è un´infrastruttura imprescindibile», spiega Giulio Pedrollo, presidente di Confindustria Verona. «La provincia di Verona è ancora penalizzata dai costi pesanti del digital divide, che si traducono in minor competitività. Da qualche anno ci siamo fatti promotori di diverse iniziative per la diffusione dei servizi di connettività a banda larga. Ci hanno seguito alcuni amministratori illuminati. La Camera di commercio, inoltre, lo scorso anno, con un bando specifico, ha erogato contributi a fondo perduto per coprire fino al 50% degli investimenti mirati all´attivazione di connessioni veloci da parte delle aziende veronesi».Va.Za.