Rassegna stampa

L'Arena

L´Associazione imprenditori villafranchesi propone iniziative tra i soci per aumentare la competitività

sabato 17 novembre 2012

Il pacchetto anticrisi di Aiv. Gruppi d´acquisto e scambi

L´energia elettrica si compra insieme, si punta alla fibra ottica per connessioni veloci e per tutti un consulente esperto di finanza

Sarà scontato, ma il motto «L´unione fa la forza» è l´arma adottata dall´associazione imprenditori villafranchese per suggerire ai soci di allearsi contro la crisi. La misura è quella del gruppo di acquisto: dall´acquisizione congiunta di energia elettrica all´installazione di un sistema a banda larga che garantisca alle aziende la competitività necessaria per affrontare le difficoltà del mercato. E non è tutto: i soci potranno confrontarsi sulle opportunità di finanza o stipulare convenzioni tra loro.
«Le aziende villafranchesi hanno subito un rallentamento delle loro attività», spiega il presidente Aiv Mario Serpelloni. «Il quadro non è generale, perché il comprensorio conferma una buona tenuta alla crisi, come tutta l´area del sud ovest veronese. Tra i nostri 140 associati le reazioni sono diverse, anche nello stesso settore: c´è chi è passato alla cassa integrazione e chi, invece, ha fatto assunzioni. Le ragioni sono molteplici: investimenti su personale o all´estero, scelte fortunate o meno».
È una situazione schizofrenica, dunque, davanti alla quale Aiv torna al vecchio motto, cercando nell´unione la forza.
La prima misura messa in campo è il gruppo di acquisto dell´energia elettrica, tramite una società, iscritta ad Aiv, che la compera e la distribuisce. «Abbiamo analizzato i capitoli di spesa più importanti delle aziende», spiega Claudia Bidoli, direttore di Aiv. «L´uscita principale è quella delle utenze, così abbiamo cercato una soluzione tra le risorse di cui disponiamo. La scelta è andata su un nostro socio che acquista e mette in rete energia elettrica a prezzi vantaggiosi per chi aderirà, secondo il principio che più si consuma più si risparmia».
Il tentativo di Aiv è aiutare i soci laddove ci siano costi fissi. Il secondo obiettivo sarà quello di garantire una connessione internet! veloce. Nella zona industriale, dove il collegamento è vitale per le imprese, la rete non risponde pienamente alle esigenze. «Le attuali centraline sono troppo distanti», spiega Bidoli, «e non consentono un allacciamento adeguato alle attività degli associati».
È partito, quindi, con l´aiuto di Confindustria, il monitoraggio degli strumenti a disposizione e delle esigenze, per valutare la possibilità di portare nell´area il sistema della fibra ottica, molto costoso ma ottimale.
Aiv sonderà anche l´ambito della finanza. Un socio esperto in materia si metterà a disposizione delle imprese che desiderano farvi affidamento: riceveranno segnalazioni e indicazioni personalizzate sulle possibilità di finanziamenti esistenti. L´azienda illustrerà i bandi e redigerà la domanda per conto dell´associato.
Ultima misura del pacchetto sarà il potenziamento del sistema di convenzioni da e per i soci: «L´input è quello di farsi offerte tra soci, in base alle attività che svolgono. C! aldeggiamo collaborazioni con le altre associazioni di categoria. Lavoriamo con Confindustria e con la Scuola dell´imprenditoria. Metteremo in campo tutte le azioni utili a sostenere le nostre imprese», conclude Bidoli. E per proteggere le aziende dai furti saranno riviste le condizioni del servizio di vigilanza. Il sistema attivo dal 2007 ha dato buoni risultati, sarà migliorato e potenziato.