Rassegna stampa

L'Arena - Il giornale di Verona

Scarse risorse e opere pubbliche nei Comuni

domenica 30 gennaio 2011

Gli enti locali non otterranno misure meno drastiche in materia di patto di stabilità e di tagli dei trasferimenti statali. Il governo resterà sulla linea della razionalizzazione e della lotta alla «cattiva spesa pubblica e agli sprechi», come ha ribadito la senatrice Anna Cinzia Bonfrisco, con un «sistema cinico, ma che funziona», ha aggiunto l'onorevole Alberto Giorgetti. La componente della commissione finanze e tesoro e il sottosegretario a economia e finanze erano presenti al consiglio comunale straordinario di Villafranca tenutosi l'altro ieri all'hotel Expo. Tema dell'incontro «La crisi economica: opportunità e prospettive di sviluppo per Enti locali, imprese e famiglie». L'evento era organizzato dal Comune di Villafranca e dall'Associazione degli imprenditori del Villafranchese (Aiv) e vi hanno assistito ! rappresentanti politici, sindaci del comprensorio e vertici delle categorie economiche e produttive scaligere.
La missione dei Comuni sarà quella di far da soli, captare le possibilità di finanziamento, cercare collaborazioni proficue con gli agenti del mondo economico locale. Su questo verteva l'incontro: sulle opportunità esistenti in un momento critico come quello attuale. Tre le domande poste sul tavolo dal presidente di Aiv Mario Serpelloni: «In seguito al patto di stabilità si avverte un blocco alle opere pubbliche, che si riflette sulla qualità dei servizi ai cittadini e sulle opportunità di lavoro: quali sono gli strumenti per uscirne? Il project financing? Il sistema bancario e il governo, nel 2009, hanno firmato un protocollo d'intesa che ha permesso di liberare risorse, accadrà lo stesso per il 2011, favorendo i finanziamenti delle banche alle piccole e medie imprese? C'è infine», ha concluso, «il capitol! o energia: non è un problema il costo del lavoro, ma il c! osto dell'energia». Premettendo che lo Stato «deve tenere sotto controllo la spesa pubblica per uscire dalla crisi», Bonfrisco ha spiegato che un obiettivo sarà la riforma del sistema degli incentivi: «Sarà più efficiente e non polverizzato dalle 100 leggi nazionali e le 1.400 norme regionali attualmente in vigore».
Giorgetti ha concluso: «Il federalismo sta trovando una definitiva approvazione. Gli enti locali avranno maggior denaro. Modificheremo anche il limite dell'8 per cento. Potranno così proseguire opere oggi sospese».M.V.A.